Pontevico, in A21 camionista stroncato da infarto accosta col tir

Il dramma si è consumato nel primo pomeriggio di ieri. La manovra del 46enne ha evitato altri incidenti.

(red.) Purtroppo ha perso la vita al volante, ma la sua azione di accostare lungo l’autostrada prima che il decesso dirompesse è stata decisiva per evitare incidenti. E’ la dinamica di quanto avvenuto nel primo pomeriggio di ieri, lunedì 26 ottobre, lungo l’autostrada A21 in direzione di Piacenza. All’altezza di Pontevico, nella bassa bresciana, il camionista 46enne rumeno residente a Treviso stava guidando un tir. A un certo punto è stato colto da un infarto che lo ha portato a sbandare.

Subito dopo ha avuto il sangue freddo di rallentare e accostare vicino al guardrail che separa le carreggiate. Qualche automobilista che per primo si è mosso è rimasto fuori visto che il mezzo era chiuso dall’interno. Così sono scattati i soccorsi facendo arrivare un’ambulanza, i vigili del fuoco e anche la Polizia stradale. Tuttavia, per l’autotrasportatore ogni tentativo di rianimazione è stato inutile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.