Da Parma a Borgosatollo con erba e funghi stupefacenti: arrestato

Il 30enne è finito in manette. Studente universitario, stava rientrando a casa e ha trovato il posto di blocco.

(red.) In una notte precedente a martedì 20 ottobre un ragazzo di 30 anni residente a Borgosatollo, nella bassa bresciana, studente all’università di Parma, è finito nei guai a causa dello spaccio di sostanze stupefacenti. Una situazione non nuova per lui, visti i precedenti, compresa una condanna a 4 mesi di reclusione nel 2017 per lo stesso motivo.

Il giovane studente universitario stava tornando a casa quando si è imbattuto in un posto di blocco da parte dei carabinieri della stazione di San Zeno. A quel punto, accertato di trovarsi di fronte a una persona legata allo spaccio, è partita la perquisizione.

In auto sono stati trovati circa 200 grammi di marijuana e 2 mila euro in contanti ritenuti provento dell’attività di spaccio. Ma in uno spazio nascosto c’erano anche dei funghi allucinogeni. Per lui sono scattate le manette e il tribunale ha anche convalidato l’arresto in attesa del processo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.