Bassa Bs, senza giubbotti visibili e spari troppo vicini: multe a cacciatori

Bilancio dei controlli svolti dalla Polizia provinciale nel secondo fine settimana dall'inizio della stagione venatoria.

(red.) Nel secondo fine settimana della stagione di caccia in provincia di Brescia, tra sabato 26 e ieri, domenica 27 settembre, non sono mancate nuove segnalazioni, sanzioni e multe per quanti non rispettano le regole. L’attenzione delle guardie volontarie e di Legambiente tramite la Polizia provinciale di Brescia ha portato ancora nella Bassa dove sono state emesse dieci sanzioni.

Colpiti anche alcuni cacciatori che stavano compiendo una battuta alle lepri sull’Asolana tra Carpenedolo e Acquafredda. Molti di loro sono stati multati per essere stati sorpresi a sparare non distante da case e strade.

Nel mirino sono finiti anche quanti stavano attraversando con i cani le strade mentre inseguivano le prede, così come quelli che non indossavano l’abbigliamento visibile catarifrangente previsto dalla legge. Altre doppiette sono state multate tra Castenedolo e Montichiari dopo alcune segnalazioni di residenti e ciclisti nell’udire gli spari troppo ravvicinati al centro abitato.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.