Quantcast

Morìa di api nella Bassa Bs, Izs: ci sono quantità di fitosanitari

Si tratta di prodotti autorizzati, anche se con restrizioni. L'Ats sta indagando su chi ha coltivato il mais.

(red.) La sensazione immediata era quella e nelle ore precedenti a giovedì 24 settembre è stata confermata dall’Istituto Zooprofilattico di Brescia operante sulla Lombardia e l’Emilia-Romagna. Le milioni di api morte nella bassa bresciana e in una parte del cremonese tra l’8 e il 14 agosto sarebbero state avvelenate da fitosanitari usati per contenere infestanti del mais. La morìa aveva colpito soprattutto Villachiara, Quinzano, Borgo San Giacomo e San Gervasio Bresciano.

Per quei fatti, che avevano assunto anche contorni nazionali, si era mossa l’Agenzia di Tutela della Salute con i carabinieri forestali e i Nas. I laboratori dello Zooprofilattico hanno analizzato alcune delle api morte trovando proprio quantità significative di fitosanitari.

Il problema è che si tratta di prodotti permessi come insetticidi a livello professionale, pur con delle dovute restrizioni e non si capisce per quale motivo abbiano letteralmente sterminato gli impollinatore. Le indagini sono ancora in corso, anche per verificare se chi, coltivando mais, abbia usato delle sostanze particolari e più pericolose.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.