Leno e Pavone Mella, via tre patenti per alcol e segnalati ragazzi

Gli agenti hanno anche scoperto che i maggiorenni vengono "ingaggiati" per comprare alcolici ai minori.

(red.) Nel fine settimana appena trascorso tra sabato 12 e ieri, domenica 13 settembre, gli agenti bresciani della Polizia intercomunale di Leno hanno condotto una serie di controlli tra Leno e Pavone Mella, nella bassa bresciana, soprattutto tra i giovani alle prese con il consumo di alcolici o sostanze stupefacenti. E nell’ambito di questi stessi controlli, dalla municipale fanno sapere di aver indagato per diverso tempo intorno a un fenomeno preoccupante.

Infatti, spesso se i minorenni si ritrovano con una bottiglia in mano e “grazie” ai maggiorenni. Ed è emerso come questi ultimi, dietro pagamento, vadano nei locali ed altri esercizi per acquistare alcolici da cedere a chi li ha “ingaggiati”. Una situazione che ha portato, tra le altre cose, alla chiusura di due esercizi commerciali che vendevano superalcolici ai minorenni.

Sempre su questo fronte, sabato notte a Leno la Polizia locale ha denunciato il titolare di un locale dopo aver servito un alcolico a un minore. Nell’ambito dei controlli, sempre nel corso del fine settimana, sono state ritirate tre patenti tra chi aveva ecceduto nell’alzare il gomito e otto ragazzi, di cui cinque minori, segnalati alla prefettura di Brescia, perchè trovati nei pressi di un marsupio che conteneva marijuana.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.