Montichiari, baby gang se la prende con disabile

Perseguitata da continui dispetti di un gruppo di minorenni la donna abitante nel quartiere Allende si è rivolta ai carabinieri.

Più informazioni su

(red.) Le cronache parlano di una situazione che, inziata quasi come un gioco perverso, negli ultimi tempi si è sempre più aggravata con un’escalation che ha costretto i carabinieri di Montichiari a intervenire. Prima qualche scherzo, poi dispetti, insulti e infine vere e propri comportamenti persecutori. Un gruppo di minorenni di 14 o 15 anni ha preso di mira da qualche tempo una disabile residente nel quartiere Allende di Montichiari.

Cose che non si fanno, niente di veramente violento ma un reiterata e ossessiva persecuzione fatta di dispetti in grado di rendere ancor più difficile la vita a chi non è stato certo fortunato con la sorte.
Qualche esempio? Suonare al citofono a tutte le ore, apostrofarla con battute sgradevoli, lanciare sassi contro l’automobile, tirare pallonate verso la serranda del garage dell’abitazione, disturbarla quando la incrociavano per strada.
Finché la vittima e i suoi famigliari si sono rivolti ai militari dell’Arma.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.