Orzinuovi, tornano a casa in taxi ma non pagano e fuggono nei campi

La prima volta a metà agosto e la seconda lo scorso venerdì. Scendono e dicono che la madre pagherà tutto.

(red.) Ci sono riusciti la prima volta e sono andati a segno anche la seconda, con vittime i tassisti che di fatto hanno visto viaggiare i propri passeggeri senza spendere un euro. E’ quanto accaduto in due occasioni a Orzinuovi, nella bassa bresciana e di cui dà notizia il Giornale di Brescia. La tecnica impiegata da alcuni ragazzi, di circa 20 anni, è sempre la stessa. Trascorrere le serate a Brescia o addirittura a Milano e poi farsi riportare a Orzinuovi a bordo di un taxi verso la zona della cascina Fenile Carossi.

I passeggeri scendono dicendo al tassista di attendere che la loro madre, presunta residente nella cascina, vada a pagare il viaggio, ma in realtà loro fuggono attraverso i campi. La prima volta era accaduto a metà agosto quando giustamente il professionista attendeva di essere pagato con 60 euro e la seconda volta è avvenuta venerdì sera 4 settembre.

In quel caso il tassista avrebbe dovuto incassare 150 euro, ma i suoi passeggeri erano scappati nel buio della notte tra i campi. Ma i loro movimenti sarebbero stati ripresi da alcune telecamere e non è escluso che possano essere identificati e denunciati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.