Bassa bresciana, fine settimana di lavoro per i carabinieri

A Fiesse i militari hanno addirittura trovato un'auto con dieci maialini nel bagagliaio: erano stati rubati.

(red.) Nell’ultimo fine settimana al termine di maggio i carabinieri delle varie compagnie e stazioni della bassa bresciana sono stati impegnati negli straordinari per mettere in sicurezza una serie di situazioni. Uno dei casi più curiosi arriva da Fiesse dove i militari hanno fermato una Peugeot 106 che sembrava piuttosto carica. E infatti, al momento di fermare il veicolo, nel bagagliaio sono stati trovati dieci piccoli maiali. Di fronte alla strana scusa fornita dai due occupanti, i carabinieri della compagnia di Verolanuova hanno proceduto con la denuncia nei loro confronti per furto aggravato. Gli esemplari di suini, infatti, erano stati rubati da un allevamento.

In un’altra circostanza, a Ghedi, i militari hanno arrestato una 43enne ubriaca nel momento in cui questa, invitata a indossare la mascherina, si è scagliata contro l’auto delle forze dell’ordine. I carabinieri della compagnia di Verolanuova si sono mossi anche nei confronti di un preparatore atletico 40enne residente a Robecco d’Oglio, nella vicina provincia di Cremona, che a Pontevico è stato sorpreso con quindici dosi di testosterone. Altre situazioni particolari si sono registrate anche a Montichiari e Calcinatello.

Nel primo caso una 20enne è stata insultata e perfino inseguita da un 18enne armato di cacciavite dopo che il giorno prima lo aveva rimproverato, insieme ad altri amici, per gozzovigliare nel parco Caduti di Nassiriya. Sempre a Montichiari, ma in un bar di corso Martiri della Libertà, due operai di 43 e 50 anni sono stati denunciati per una lite con tanto di mani alzate e dopo essere entrati nel locale già ubriachi. Infine, a Calcinatello due stranieri anche loro ubriachi si sono dati alla fuga dopo essersi aggrediti l’uno con l’altro.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.