Nave e Isorella, due investiti in bicicletta. Portati in ospedale

Prima è toccato a un anziano sul Caffaro e poi a un ragazzo che stava attraversando su strisce verso un ponte.

(red.) Nella giornata di ieri, lunedì 25 maggio, si sono verificati due incidenti stradali che hanno coinvolto in entrambi i casi due persone in bicicletta. Il primo, in ordine di tempo, è avvenuto intorno alle 11,30 sulla provinciale 237 del Caffaro in territorio di Nave, nel bresciano. Un uomo di 72 anni, che indossava abiti da ciclista e impegnato in allenamento, si stava muovendo in discesa lungo la strada e all’ingresso del centro abitato è stato travolto da un’auto condotta da un’anziana di 81 anni che non si era accorta della due ruote.

L’anziano ciclista è finito contro una portiera dell’auto e poi a terra riportando un trauma cranico. Per lui sono giunti i soccorritori che l’hanno condotto all’ospedale Civile di Brescia. Gli agenti della Polizia stradale hanno raggiunto via Montegrappa, teatro dell’impatto, per eseguire i rilievi del caso. Il secondo episodio in provincia si è verificato nel pomeriggio alle 15,30 sulla provinciale 24 in territorio di Isorella, nella bassa. In via Europa Unita un ragazzo di 18 anni che si stava muovendo in bicicletta e stato colpito mentre attraversava sulle strisce pedonali per raggiungere il ponte in legno sulla vicina ciclabile.

A un certo punto un’Opel bianca condotta da un uomo lo ha colpito facendolo finire a terra. Subito il luogo dell’incidente si è fermato per consentire l’arrivo dell’automedica e di un’ambulanza da Calvisano, oltre alla Polizia Locale per ricostruire la dinamica. Il giovane ciclista, sempre rimasto cosciente, è stato trasportato in codice giallo all’ospedale di Manerbio. La presenza di semafori e delle telecamere di sorveglianza potrebbero fornire indicazioni sulla dinamica e sulle responsabilità.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.