Manerbio, nuova ambulanza donata dalla fondazione Abrami Onlus

Il mezzo, di ultima generazione, rispetta le linee guida in tema di soccorso nonché la normativa europea EN1789

(red.) È stata consegnata oggi la nuova ambulanza per i trasporti sanitari di emergenza intraospedalieri donata al Pronto Soccorso del Presidio Ospedaliero di Manerbio dalla Fondazione Renato e Damiana Abrami Onlus.
Alla consegna erano presenti il Direttore Generale di ASST Garda Carmelo Scarcella e la Sig.ra Lidia Venturini Presidente della Fondazione Renato e Damiana Abrami Onlus.

“Ringrazio con profonda gratitudine la Fondazione Renato e Damiana Abrami Onlus – dichiara il Direttore Generale Carmelo Scarcella – per la sensibilità e l’attenzione riservata al Presidio di Manerbio attraverso gesti di grande generosità. Questa nuova donazione, insieme al finanziamento per la realizzazione del Polo Oncologico, hanno un significato umano e sociale importante e vanno a beneficio del territorio e dei cittadini.

“In modo particolare durante questo periodo – dichiara la Presidente della Fondazione Abrami Lidia Venturini – è risultata evidente anche l’importanza di disporre di questi supporti tecnologicamente all’avanguardia. Per questo motivo, la Fondazione Renato e Damiana Abrami, è lieta di donare questa ambulanza al Presidio Ospedaliero di Manerbio con la speranza che le moderne strumentazioni presenti a bordo possano essere d’aiuto a molte persone.”

L’ambulanza, di ultima generazione rispetta le linee guida in tema di soccorso nonché la normativa europea EN1789 ed è dotata di tutti i più moderni sistemi di sicurezza per i pazienti e per gli operatori. Internamente è allestita secondo principi di ergonomia per facilitare l’organizzazione a bordo in tutte le fasi del trattamento dei pazienti: movimentazione, preparazione e somministrazione dei farmaci.

È dotata di un monitor multiparametrico, appeso a soffitto per evitare intralci all’attività sanitaria, che permette di visualizzare contemporaneamente il tracciato dell’elettrocardiogramma a 12 derivazioni, la saturimetria e la pressione arteriosa; sono inoltre presenti un frigorifero per la conservazione dei farmaci termolabili e un cassetto caldo per la preparazione delle infusioni prima della somministrazione.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.