Leno, parroco si chiude nella canonica. Arrivano i vigili del fuoco

Ieri l'intervento delle forze dell'ordine dopo che il parroco non rispondeva alle richieste giunte dall'esterno.

(red.) L’ultima trovata l’aveva messa in scena nella settimana precedente a martedì 19 maggio quando aveva pranzato nel mezzo della piazza davanti alla chiesa della Trasfigurazione a Castelletto di Leno, nella bassa bresciana. Con lui alcuni operai e tutti senza mascherina, rimediando una sanzione per non aver rispettato le disposizioni. E in serata, ma da solo, si era fatto di nuovo vedere mentre mangiava una pizza. Ieri, lunedì 18, per il parroco don Gianluca Loda si sono dovuti muovere addirittura gli agenti della Polizia Locale e anche i vigili del fuoco.

Il sacerdote sta presentando dei problemi di salute in questo momento e quindi il vescovo ha nominato il parroco di Gottolengo don Arturo Balduzzi come amministratore temporaneo anche per Castelletto di Leno. Tuttavia, ieri mattina, al momento di raggiungere la canonica per valutare le attività, è stata notata la vettura di don Loda e nonostante dovesse essere in altre zone.

E’ stato chiamato più volte, ma senza successo e quindi si è reso necessario l’intervento dei soccorsi e forze dell’ordine. I vigili del fuoco hanno dovuto forzare una finestra per entrare e all’interno c’era il parroco. Per lui, seguito da un medico, è stato necessario il trasferimento all’ospedale di Manerbio e sarà chiamato a seguire un percorso per ristabilirsi da un disagio personale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.