Da Barbariga 400mila casoncelli per dire grazie ai dipendenti del Civile fotogallery

Ogni lavoratore della struttura di Brescia, Gardone e Manerbio riceverà un sacchetto con 60 ravioli artigianali.

(red.) La comunità di Barbariga e la Fondazione Castello di Padernello unite per dire grazie al personale degli ospedali di Brescia, Manerbio e Gardone Val Trompia ai quali tra giovedì e venerdì verranno consegnati 400.000 casoncelli e 12.000 ingressi omaggio di entrata al Castello.

I gesti contano, quelli di amore, di speranza, di concretezza, a volte anche un po’ folli. Come il progetto che stanno per portare a termine la comunità di Barbariga, capitanata dal suo Sindaco Giacomo Fausto Uccelli, il Castello di Padernello e la Comunità Montana di Valle Trompia che tra giovedì e venerdì consegneranno a tutti i dipendenti e ai volontari dell’Ospedale Civile di Brescia, di Gardone Val Trompia e di Manerbio 6.100 sacchetti di casoncelli di Barbariga, contenente ciascuno 60 pezzi del prelibato prodotto simbolo della Bassa e due ingressi omaggio per visitare il Castello di Padernello; quando i tempi della quarantena lo permetteranno.

“L’idea”, racconta il Sindaco Uccelli, “è frutto di un pensiero fatto con l’amico Norberto Rosini, che ci ha aiutato anche ad affrontare i costi, per ringraziare come comunità quelle persone che dentro le strutture ospedaliere ci stanno dando tanto in termini professionali e umani, chiamate a compiere scelte difficili e messe alla prova da questo momento incredibilmente doloroso. Raccolte le idee e alcuni aiuti per l’acquisto delle materie prime, abbiamo chiesto a due dei sei laboratori di Barbariga, il Casoncello di Le Rosini Angela e Anna, di darci la loro disponibilità che è arrivata prontamente, senza contare le ore messe a disposizione dalle lavoratrici che stanno producendo senza sosta per far trovare sulle tavole di Pasqua di queste persone uniche il simbolo dell’enogastronomia della Bassa bresciana.”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.