Coronavirus, a Orzinuovi per la prima volta nessun caso in più

155 casi e 31 decessi: è il paese più colpito in provincia. Ma ieri l'Ats di Brescia ha dato una buona notizia.

(red.) Era stato il primo paese in provincia di Brescia, vista la vicinanza al focolaio di Lodi e Codogno, a toccare con mano il contagio da coronavirus. Ma ieri, domenica 22 marzo, a Orzinuovi si è potuto tirare il primo sospiro di sollievo, se così si può dire. Perché per la prima volta dalla fine di febbraio non si sono registrati nuovi casi positivi nel paese segnato dal contagio.

Orzinuovi, con i suoi 155 casi positivi e 31 deceduti sta subendo l’effetto peggiore in provincia e solo dopo Brescia capoluogo. Il sindaco Gianpietro Maffoni aveva adottato delle misure drastiche già dal 6 marzo, prima rispetto al resto d’Italia di quel famoso Dpcm del fine settimana tra il 7 e l’8 quando ancora non si respirava la piena consapevolezza di quanto stava accadendo.

Le misure, simili a quelle adottate nel lodigiano, stanno dando i risultati, ma il primo cittadino chiede di non abbassare la guardia. E di rispettare anche l’ordinanza regionale in vigore fino al prossimo 15 aprile.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.