Calcinato, hacker viola Google e “insulta” il sindaco

Nel popolare motore di ricerca qualcuno ha modificato il nome del primo cittadino con un riferimento sessuale.

(red.) Dopo Paspardo e Castrezzato, un altro riferimento online a un Comune bresciano è finito nel mirino di un hacker. E’ successo a quello di Calcinato, ma non c’entra il sito internet principale. Il problema riguarda il popolare motore di ricerca Google che qualcuno è riuscito a violare nel momento in cui si “chiedeva” allo stesso motore di ricerca delle informazioni riferite al Comune.

E così, come riporta Bresciaoggi, il nome del sindaco Nicoletta Maestri è diventato “Thomas Turbato” con un evidente richiamo sessuale. Quindi, una volontà da parte di qualcuno di piazzare un contenuto fake all’interno di Google.

Il sindaco, informata di questo, ha deciso di denunciare l’episodio ai carabinieri che potranno contare su esperti di informatica per risalire all’autore di quell’azione di hackeraggio. La sensazione è che chi ha colpito lo abbia fatto con il chiaro intento di rivolgersi contro il sindaco.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.