Orzinuovi, figlio violento con il padre pretende la pensione

Un 30enne disoccupato e con il vizio dell'alcol era stato denunciato più volte. Ora è finito dietro le sbarre.

(red.) Solo quando si è trovato in caserma davanti ai carabinieri per trovare una soluzione nei confronti del figlio più volte violento e aggressivo ha avuto il coraggio di dire cosa capitava in casa. E cioé che il figlio 30enne gli chiedeva spesso il denaro della pensione per poter vivere con quei soldi, dandosi anche all’alcol e senza alcuna intenzione di trovarsi un lavoro. La vicenda arriva da Orzinuovi, nella bassa bresciana, dove il 30enne è stato arrestato nei giorni precedenti a giovedì 13 febbraio per il suo comportamento.

Fatto, in particolare, di reati contro la persona e tanto da essere stato denunciato più volte per oltraggio nei confronti dei militari e aggressioni verso i clienti dei locali che frequentava. Uno di questi episodi era avvenuto il 22 gennaio quando, in un bar, aveva rovesciato tavoli e sedie e incassando l’ennesima denuncia per danneggiamento.

Chiamando il padre del giovane, un 70enne, è quindi emerso come il figlio pretendesse il denaro della pensione anche usando minacce e violenze, se non distruggendo l’arredamento di casa. Della situazione e di quella rivelazione è stata informata la procura di Brescia che ha disposto il trasferimento del 30enne in carcere per maltrattamenti in famiglia, estorsione, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.