Roccafranca, cerca di dare fuoco alla moglie: a processo

L'indiano di 61 anni è però costretto a stare nel suo Paese dopo essere stato aggredito a colpi di pistola.

(red.) A Brescia è accusato di violenza privata, maltrattamenti, lesioni e tentato omicidio nei confronti della moglie per la quale era geloso. Ma al momento è costretto a restare nel suo Paese di origine, in India, dopo essere rimasto ferito alla schiena da alcuni colpi di pistola. Ora per lui nel bresciano si apre il processo proprio per gli atti che avrebbe commesso ai danni della moglie, ma è da capire se sia in grado di essere in aula e imputabile.

Per questo motivo il tribunale ha nominato un perito che nell’arco di tre mesi dal prossimo gennaio dovrà scrivere una relazione sulle condizioni in cui l’uomo, un 61enne, si trova. I fatti si erano consumati nel 2013 a Roccafranca quando l’indiano, spinto dalla gelosia, avrebbe persino cercato di dare fuoco alla consorte oggi 39ene che, secondo lui, lo tradiva con un cugino.

Per quegli episodi l’uomo è già stato interrogato nel 2016 prima di trasferirsi in India. E qui è stato aggredito, forse dai parenti della donna. Il processo è stato aggiornato al prossimo giugno.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.