Quantcast

Emergenza sfratti a Brescia, torna la battaglia di Diritti per tutti

(red.) Brescia, come testimoniato anche dai dati riportati in vari articoli della stampa locale, è da anni una delle città più colpite dal fenomeno dei pignoramenti immobiliari, causati prima dall’onda lunga della crisi economica cominciata nel 2008-2009 e poi da quella da pandemia.

L’Associazione Diritti per tutti, il Centro sociale Magazzino 47 ed il Collettivo gardesano autonomo organizzano un presidio di protesta davanti all’IVG (Istituto vendite giudiziarie) in via Fura 26 il prossimo 2 aprile, per denunciare questa emergenza e protestare  contro le modalità ingiustificabili e a volte prive di sensibilità umana e sociale con cuil’ente gestisce le esecuzioni, e per chiedere il passaggio da casa a casa ed un piano di edilizia popolare pubblica.

“Basma è malata di tumore”, si legge nella nota, “ha una invalidità del 100% e percepisce una piccola pensione. Mohammed ha più di 65 anni, ha lavorato tutta la sua vita in Italia come muratore ed ha acquisito la cittadinanza; sua moglie è invalida certificata, hanno due figli da poco maggiorenni, una sta ancora studiando e l’altro lavora come operaio con contratti brevi a tempo determinato. Questi nuclei, come tanti altri, rischiano di essere buttati per strada senza soluzioni alternative, perchè la casa dove abitano è stata pignorata e messa all’asta dall’IVG (Istituto vendite giudiziarie) che anche se gli appartamenti non sono ancora stati venduti vogliono procedere con l’esecuzione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.