Quantcast

Sciopero di 4 ore all’Italcementi, adesione al 90%: “Rispetto per i lavoratori”

Più informazioni su

(red.) Oggi si è svolto lo sciopero di 4 ore dei lavoratori dello stabilimento di Italcementi di Rezzato con una adesione del 90%. Secondo Fillea Cgil e Filca Cisl si tratta di una risposta delle maestranze ai comportamenti tenuti dall’azienda all’interno della fabbrica. “Il silenzio assordante provocato dallo sciopero dei 140 lavoratori che è calato sugli impianti produttivi è la risposta ai comportamenti della dirigenza aziendale”.

 

“I Lavoratori”, si legge nella nota sindacale, “hanno sottolineato che i rapporti devono essere urbani anche all’interno dei luoghi di lavoro, come definito dall’art. 65 del Ccnl del cemento, che recita “i superiori sono sempre tenuti a esercitare le loro funzioni organizzative mantenendo relazioni caratterizzate da rispetto delle persone, senso di collaborazione ed urbanità“.
Usare epiteti, titoli e frasi che non sono urbani costituisce il primo dei problemi da risolvere. Le tre assemblee svolte sul piazzale della portineria hanno infatti sottolineato e ribadito che bisogna avere rispetto dei lavoratori perché è la precondizione per intavolare qualsiasi tipo di rapporto.
Inoltre le assemblee hanno sottolineato come sia urgente un confronto aziendale, per aggiornare il protocollo aziendale anti covid-19, sia alla luce delle novità introdotte dall’accordo interconfederale del 6 aprile 2021, sia delle oggettività che sono scaturite in fabbrica”.

sciopero italcementi

Ai fini del contrasto della pandemia e ai fini di evitare gruppi di contagio all’interno delle fabbriche, secondo la nota urge ridiscutere cosa si intende per “contatto stretto” quando un lavoratore si è contagiato. Svolgere dei tamponi molecolari ai lavoratori che hanno avuto contatti con lavoratori contagiati permette di comprendere in modo rapido le varie evoluzioni dei contagi e impedisce il verificarsi dei cosiddetti “cluster”.

Le segreterie territoriali di Filca e Fillea ringraziano i lavoratori per aver aderito allo sciopero e per essere stati coerenti tra il dibattito che si è svolto nelle assemblee e il comportamento tenuto oggi. “I lavoratori e le segreterie territoriali hanno ribadito la piena disponibilità a incontrare l’azienda per discutere nel merito i problemi che permangono nello stabilimento di Rezzato”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.