Quantcast

Blocco studentesco, protesta in Castello per “abolire le distanze sociali”

(red.) Nella giornata di sabato 13 marzo, il Blocco Studentesco di Brescia, ha organizzato un’iniziativa di protesta, con gigantografia e fumogeni, per rilanciare anche nella nostra città il messaggio contenuto nel manifesto politico della socializzazione scolastica.

“Mentre si ragiona se si debba riaprire le scuole o meno, noi vogliamo rifondare il sistema scolastico che già era morente prima della D.A.D”, si legge in una nota. “E vogliamo rifondarla con gli studenti che siano protagonisti della scuola; abolendo le distanze sociali e fisiche della D.A.D.; sostituendo la parola istruzione con la parola educazione; costruendo comunità scolastiche; creando mutua collaborazione tra l’entità pubblica e le aziende private; edificando una scuola che sia allo studio e al lavoro lo stesso livello d’importanza. Noi studenti siamo il fondamento ed il futuro di questa Nazione. Rifondare la scuola! Con gli studenti, per l’Italia!”

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.