Virus, sindaci e Provincia al Governo: tamponi e misure fotogallery

L'Acb chiede di dispositivi di protezione per il personale e tamponi anche nelle abitazioni tra gli asintomatici.

(red.) I 205 sindaci dei Comuni della provincia di Brescia e rappresentati nell’Associazione Comuni Bresciani del presidente Gabriele Zanni hanno inviato una lettera al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, al governatore Attilio Fontana e al capo dipartimento della Protezione Civile Angelo Borrelli per chiedere una serie di misure da una delle province più colpite a livello nazionale dal coronavirus.

In particolare, si chiede di effettuare i tamponi e monitorare il personale medico che assiste i pazienti a domicilio, ma anche quelli delle case di riposo e i centri diurni, dotarli dei dispositivi di protezione individuale, un’altra scorta di medici e infermieri e una nuova struttura Covid a Brescia città per far funzionare le normali prestazioni.

E torna anche l’annosa questione dei tamponi da eseguire sugli asintomatici per il rischio che possano continuare a diffondere l’infezione. Al documento dei sindaci si aggiunge anche l’appello del presidente della Provincia Samuele Alghisi che, oltre ai tamponi, chiede anche misure dedicate per la Lombardia e le province più colpite come Brescia e Bergamo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.