Calcinato, rubinetti chiusi al canile: scatta solidarietà

I volontari ieri hanno protestato e si sono dovuti arrangiare. Colpa di un debito da 27 mila euro con il fornitore. Mobilitazione tra acqua e versamenti.

Più informazioni su

(red.) Per un giorno e mezzo, tra martedì 28 e ieri mattina, mercoledì 29 maggio, i rubinetti del canile San Rocco a Calcinatello di Calcinato, nella bassa bresciana, sono rimasti chiusi. Un grosso disagio considerando che la struttura ospita 200 animali. Il motivo dei sigilli? Il nuovo sindaco Nicoletta Maestri ha contattato la società di gestione in Acque Bresciane che ha preso in carico il servizio dal Comune e scoprendo che la struttura aveva un debito di 27 mila euro con il fornitore dell’acqua. Quindi, l’amministrazione ha ottenuto la riapertura dei rubinetti a fronte di un piano di rientro a rate.

Proprio ieri mattina i volontari del canile avevano protestato per la mancanza di acqua e si erano dovuti attrezzare con taniche e bottiglie. E a quel punto, dopo aver lanciato un appello di aiuto, è partita la macchina della solidarietà da parte di numerosi utenti che hanno donato acqua e anche versamenti sul conto corrente della proprietà della struttura per i cani. Da 34 anni, dalla fondazione nel 1985, il canile si occupa di animali randagi e abbandonati.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.