Quantcast

Jobs Act, flash mob degli studenti di sinistra

Primavera della Sinistra, Studenti Per- Udu Brescia e Rete degli Studenti Medi Brescia hanno organizzato una protesta in Corso Zanardelli.

studenti in piazza(red.) Sabato 6 dicembre, dalle 17, all’incrocio tra Corso Zanardelli e Corso Palestro a Brescia si svolge un flash mob promosso da Primavera della Sinistra, Studenti Per- Udu Brescia e Rete degli Studenti Medi Brescia, per manifestare la contrarietà al JobsAct. L’obbiettivo è quello di richiamare l’attenzione dei cittadini bresciani, impegnati nello shopping natalizio, sul problema della disoccupazione giovanile, sulla mancanza di prospettive lavorative non precarie per chi si affaccia ora al mondo del lavoro e sul dramma del precariato a vita in mancanza totale di ammortizzatori sociali.
“In particolare”, spiega una nota, “il flashmob di sabato sarà un modo ironico e amaramente divertente per mostrare come l’approvazione del Jobs Act condanni i giovani a una vita che oscilla continuamente tra disoccupazione e precariato, rompendo la coesione sociale tra lavoratori e rendendo i diritti sempre più oggetto di ricatto. Il prezzo diretto e indiretto di questa riforma lo pagheranno soprattutto i giovani, che schiacciati tra i propri sogni e la crisi economica, saranno costretti a scegliere tra un lavoro senza dignità e diritti e la disoccupazione”.
Si tratta, spiegano gli studenti, solo della prima tappa di un percorso “volto a coinvolgere tutti i giovani lavoratori e coloro che si affacciano ora al mondo del lavoro verso lo Sciopero Generale del 12 Dicembre promosso da Cgile Uil. Oltre al flash mob è prevista un’assemblea pubblica che si svolgerà Martedì 9 Dicembre alle 20,30, presso il Salone Buozzi della Camera del Lavoro di Brescia, nella quale si discuterà degli effetti che questa legge avrà sul mondo del lavoro e si formuleranno insieme controproposte”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.