Mac, il prefetto chiede di allentare il presidio

Giovedì si è tenuto un nuovo vertice in Broletto. La Iveco ancora ferma da mercoledì. Al vaglio una proposta delle maestranze per salvare gli 84 posti di lavoro.

(red.) Prosegue la mobilitazione dei lavoratori della Mac davanti ai cancelli Iveco a Brescia e, allo stesso tempo, è ripresa la trattativa sul futuro degli 84 dipendenti che presto saranno licenziati, con la cessazione dell’attività.
Una situazione delicata quella che si vive in via Volturno.
Giovedì è stato convocato un nuovo tavolo in Prefettura nel corso del quale il prefetto Narcisa Brassesco Pace ha invitato i lavoratori(e la Fiom) ad allentare il presidio fuori dai cancelli così da consentire ai camion di consegnare le forniture alla Fiat che, proprio nei giorni scorsi aveva sospeso la produzione con “la messa in libertà” degli oltre 2mila dipendenti.
Entro il 1° dicembre la rappresentante del Governo vuole trovare una soluzione alla vertenza.
Dopo l’incontro in Broletto i sindacalisti Fim, Uilm e Fismic hanno incontrato i vertici di Iveco che hanno prospettato l’ipotesi di maggiore commesse per la Mac così da garantire il lavoro per una trentina di dipendenti. Un’offerta che difficilmente sarà accolta, perché l’azienda, nell’ultimo triennio, ha subito perdite pari a 10 milioni di euro.
Se Iveco non può farsi carico dei dipendenti Mac le sigle sindacali hanno chiesto ai lavoratori di sospendere il blocco dei camion perché tale azione mette a rischio anche il futuro di altri 2mila addetti.
Le maestranze Mac hanno quindi presentato una proposta, i cui contenuti non sono stati resi noti, inviata poi alla Prefettura. Il presidio, in attesa di una risposta, prosegue.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.