Tpl, occupazione in città contro i tagli

Il blitz è andato in scena venerdì presso il gazebo del Comune, presente al Festival della Mobilità Elettrica in piazza Arnaldo. "Giunta ipocrita, favorisce uso mezzi privati":

(red.) Occupato il gazebo del Comune di Brescia presente al Festival della Mobilità Elettrica in piazza Arnaldo. L’iniziativa e’ stata organizzata dal Movimento per la partecipazione “Cittadine Cittadini” e dal Kollettivo studenti in lotta e del Magazzino 45 “per denunciare l’ipocrisia con cui si presenta l’amministrazione comunale, organizza questo tipo di iniziative mentre taglia il servizio di trasporto pubblico”.
Sempre venerdì si è svolto lo sciopero di quattro ore  indetto dai Cobas Trasporti nel settore del trasporto pubblico urbano. Lavoratori e lavoratrici contestano i tagli al servizio comunale decisi dall’amministrazione.
Il blitz degli antagonisti e del Movimento è andato in scena venerdì attorno alle 18,30.
“Il Comune di Brescia”, si legge nel volantino distribuito dai manifestanti, “in collaborazione con Brescia Trasporti, organizza il Festival della Mobilità elettrica in occasione del taglio al servizio di trasporto pubblico (soppressione autobus serali, riduzione corse nei giorni festivi, soppressione delle linee 5 e 6, dimezzamento “accabua” per disabili)”.
“La Giunta Comunale di Brescia (Lega-Pdl-Udc) e in modo particolare l’assessore Rolfi”, continua la nota, “hanno reso Brescia la terza città più inquinata in Europa, rendendosi responsabili dell’aumento di malattie respiratorie e mortalità dovuti a patologie derivate dall’inquinamento dell’aria”.
Per il Movimento e per il Kollettivo, “l’amministrazione comunale ha favorito l’aumento del traffico privato, aprendo alla circolazione tutto il centro città e dimezzando il prezzo del parcheggio per le auto; penalizzando d’altro canto l’utilizzo di mezzi di trasporto più ecologici, con multe a chi usa la bicicletta e aumento del prezzo del biglietto dell’autobus del 20 per cento”. Un situazione ambientale, viene aggiunto, che “a Brescia è grave anche per l’inquinamento da PCB, per le discariche di materiali nocivi, per la presenza dell’inceneritore”.
“Altro effetto di queste scelte gli ipocrite degli amministratori cittadini è la rimozione di qualsiasi possibile alternativa all’automobile per muoversi la sera, il che va a contribuire all’aumento degli incidenti stradali (le cosiddette stragi del sabato sera). E’ perciò indispensabile una presa di coscienza di tutti e tutte”.
“E’ giusto ricordare anche che la Giunta Comunale di Brescia ha previsto tagli ai servizi sociali:  assistenza agli anziani e bonus badanti, scuole e mense per i bambini, diritto allo studio, scuolabus, sistema bibliotecario, pinacoteca e cultura in generale, assieme a molto altro. Aumentando  inoltre le tasse a tutti gli abitanti con l’introduzione dell’addizionale Irpef”.
“I soldi ci sono”, denunciano i manifestanti, “ ma non vengono usati per favorire il trasporto pubblico e in generale per tutti quei servizi utilissimi agli abitanti della città”.
Il Movimento ed il Kollettivo di Magazzino 47 si dichiarano “contrari a questi tagli” chiedendone “la loro eliminazione”.
“Chiediamo”, viene spiegato, “che vengano ricavati fondi per il trasporto pubblico con l’eliminazione delle costose cariche di nomina politica all’interno di Brescia Trasporti e Brescia Mobilità, partendo dall’inutile presidente Gervasi. Chiediamo il ripensamento dell’intensità del trasporto serale per prolungarlo nell’orario e nei percorsi comprendendo i comuni vicini, e che i fondi vengano reperiti da quelli stanziati per la polizia municipale e per tutti gli altri inutili sprechi di denaro pubblico”.
Lunedì 11 giugno, dalle 17, una nuova manifestazione di protesta è stata indetta sotto Palazzo Loggia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.