Quantcast

I No Tav contestano il ministro Cancellieri

L’ex Prefetto di Brescia ospite alla Statale ha ribadito l'utilità dell'alta velocità, non ha però incontrato i contestatori, dribblati utilizzando un’altra entrata.

(red.) Il popolo No Tav non ci sta e contesta il ministro degli Interni Annamaria Cancellieri che, a Brescia per l’inaugurazione della Statale, ha definito l’opera “utile e che darà lavoro”.
“Ministro delle banche e dei manganelli.  La valle non si arresta, No Tav fino alla vittoria” recitava uno degli striscioni che questa mattina hanno sfilato fuori dalla facoltà di Medicina. A tenerlo in mano gli attivisti bresciani No Tav.
L’ex Prefetto di Brescia, “mandante degli sgomberi dei blocchi, delle cariche, delle manganellate e dei lacrimogeni contro il movimento No Tav in Val di Susa”, secondo il sito dell’emittente antagonista Radio onda d’Urto, non ha però incontrato i contestatori, dribblati utilizzando un’altra entrata.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.