Ancora in piazza per fermare “Green Hill”

L'appuntamento è cambiato, non più davanti al municipio di Montichiari ma davanti al Palageorge. "Sindaco e questore vogliono metterci i bastoni fra le ruote".

(red.) L’appuntamento è cambiato, non più davanti al municipio di Montichiari ma davanti al Palageorge, in via Falcone, zona ospedale. Ma il corteo contro Green Hill in programma sabato 19 (alle 14 il concentramento, alle 15 la partenza) si farà.
“Questo cambiamento”, spiegano gli organizzatori, “non è assolutamente dovuto alla nostra volontà. La volontà politica del Comune di Montichiari e del questore di Brescia è di mettere i bastoni tra le ruote al corteo, così come hanno cercato di fare altre volte in passato, peraltro non riuscendoci. Il percorso sarà comunque quello che volevamo fare, modificato solamente all’inizio, con arrivo davanti al palazzo del municipio.
Non si sa, invece, se parteciperà l’ormai ex ministro del Turismo Michela Vittoria Brambilla, che avrebbe dovuto avere un faccia a faccia con il sindaco Elena Zanola. Resta comunque un vero e proprio assedio, anche mediatico, quello che sta cingendo da più fronti l’azienda bresciana, la cui attività, da sempre in discussione da parte degli animalisti, ha trovato una sponda anche nella giustizia, con l’apertura di un fascicolo in procura a Brescia per accertare se nell’allevamento ci siano “violazioni della normativa statale e regionale in materia di tutela del benessere degli animali di affezione” e di un esposto a firma della titolare del dicastero del Turismo.
Ora che il sindaco Zanola ha “in mano una istanza di chiusura motivata e basata su precise e gravissime violazioni rilevate all’interno della struttura di Green Hill”, deve, secondo i rappresentanti del coordinamento “Fermare Green Hill”,  necessariamente “seguire il ritiro della licenza di allevamento e vendita di animali ai laboratori di vivisezione”.
Pressione, proteste, iniziative, azioni,  che hanno visto il coinvolgimento degli organi di stampa e tv dopo che anche il Tg satirico di canale 5 “Striscia la notizia”, con il suo inviato Edoardo Stoppa, si è occupato della struttura di via San Pancrazio e  dopo che, alcuni animalisti, nelle scorse settimane, si sono resi protagonisti di una clamorosa protesta culminata con l’occupazione non stop dei tetti dei laboratori della multinazionale.
“Non siamo di fronte ad un’ipotesi campata in aria”, afferma il coordinamento “Fermare Green Hill”, “ma ad una situazione concreta, inconfutabile, che non dovrebbe avere altro esito se non quello del ritiro della licenza all’attività e della chiusura della struttura. Siamo però lucidi e dunque consci di quanto in questa società il profitto dei potenti venga difeso più della vita dei deboli e degli sfruttati. Il sindaco deve decidere se dare priorità al dolore e alla sofferenza e la prigionia di migliaia di cani rinchiusi nel lager di Montichiari, o agli affari sporchi di sangue di una multinazionale della tortura come Marshall. La scelta che noi tutti faremmo senza pensarci un attimo non è purtroppo mai la stessa che organi politici e istituzionali fanno in questi casi”.
Dopo la petizione che ha raccolto oltre 16mila firme per chiedere la chiusura del sito ora una nuova manifestazione di protesta con lo scopo unico, avvertono i promotori, di opporsi alla vivisezione. Per questo motivo viene chiesto ai partecipanti, attesi da tutta Italia (sono stati predisposti pullman con partenza da numerose città) “di non portare bandiere, striscioni o altro con i propri loghi o sigle. Questo perché non si esprima una riduttiva partecipazione di “appartenenza” ma la voglia di sentirsi individualmente partecipi nella lotta alla vivisezione”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.