Benzinai, sciopero di 15 giorni

I gestori sul piede di guerra contro il Governo per la mancata liberalizzazione del mercato. A rischio ci sono 25mila imprese e 140mila posti di lavoro.

Più informazioni su

(red.) Un pacchetto di 15 giorni di sciopero è stato proclamato mercoledì dai benzinai. Quindici giorni di sciopero dall’8 novembre che riguarderanno tutto il territorio nazionale e quindi anche il Bresciano.
La protesta, afferma una nota, è: ”contro il Governo che si rifiuta di liberalizzare il settore e cancella il bonus che riconosceva il ruolo di sostituto di imposta ricoperto dalla categoria”. La prima tornata di chiusure è prevista per l’ 8, 9 e 10 novembre.
L’annuncio ha messo in fibrillazione i consumatori di Adoc, Codacons, Movimento Difesa del Cittadino e Unione Nazionale Consumatori che temono speculazioni sui prezzi nelle 48 ore antecedenti la serrata e minacciano denunce e richieste d’arresto per chi alza il costo dei carburanti. Da parte loro i gestori denunciano ”la più assoluta inerzia del Governo, inadempiente rispetto agli impegni ripetutamente assunti, mettendo a rischio di fallimento circa 25.000 piccole imprese ed i 140.000 posti di lavoro degli addetti occupati”.
In particolare, i gestori contestano ”la mancata liberalizzazione del settore che impedisce letteralmente alle piccole imprese di gestione di competere sul libero mercato”, ma anche la decisione (presa con l’ultimo decreto milleproroghe) di azzerare per il 2012 l’abbattimento forfetario del reddito di impresa attraverso le deduzioni fiscali che in passato, affermano i gestori, ”è stato utilizzato per riconoscere alla Categoria il ruolo essenziale di sostituto d’imposta ricoperto a favore dello Stato. Sono circa 35 miliardi di euro le imposte che i Gestori italiani ”incassano, custodiscono e riversano all’erario, sotto la loro responsabilità e a rischio della propria incolumità e finanche della vita, come stanno a testimoniare le cronache quotidiane”.
Lo sciopero potrebbe ancora rientrare se ”il Governo decidesse di non adottare almeno uno dei due provvedimenti sopra richiamati” affermano i gestori. Gli occhi ora sono puntati sul Dl Sviluppo dal quale si attendono proprio le misure a favore della liberalizzazione del settore attese dalla categoria. Nella bozza del provvedimento sono contenute misure volte ad ”ottenere un più avanzato livello di competitività che contribuisca a realizzare il prezzo al consumo più contenuto su tutto il territorio nazionale”. Nascerà una ‘Borsa’ carburanti dove il Gme, che diventerà Gmec (gestore dei mercati energetici e dei carburanti), ”definisce un mercato organizzato all’ingrosso dei carburanti nel quale sono negoziati, con listini almeno settimanali, prodotti petroliferi per l’autotrazione”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.