Quantcast

Carceri strapiene, legali in sciopero

(red.) Inizia questo martedì lo sciopero della fame per 39 avvocati penalisti bresciani per protestare contro il sovraffollamento delle carceri e le condizioni “disumane” in cui si trovano i detenuti.
I legali aderiscono all’appello lanciato, a carattere nazionale, da Marco Pannella e a cui hanno aderito diverse centinaia di avvocati in tutto il Paese.
La manifestazione “a staffetta” è stata proposta dall’Unione delle Camere penali italiane.
Lo scopo è quello di far conoscere, precisa una nota della Camera penale bresciana, “le drammatiche condizioni di vita a cui sono costretti migliaia di detenuti all’interno degli istituti penitenziari” e, in particolare, nello specifico, quelle in cui si trova la casa circondariale di Canton Mombello, dove il sovraffollamento, cronico, ha toccato percentuali del 152%.
A turno, quindi, fino al prossimo 7 ottobre, i 39 penalisti bresciani si asterranno dal cibo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.