Quantcast

Chiari, “non era in vacanza”: assolta dottoressa del Mellini

Il medico era stata licenziata in tronco, dopo un'indagine interna al Mellino Mellini, perchè accusata di avere usato i permessi non per curare la zia malata per andare in vacanza.

Più informazioni su

(red.) Era stata licenziata, nel 2017, dall’ospedale Mellino Mellini di Chiari (Brescia), dopo un’indagine interna, perché accusata di avere chiesto i benefici legati alla legge 104, che consente di assistere i parenti malati, utilizzando invece quei giorni di permesso, cinque, per recarsi in vacanza tra Ponte di Legno e le Baleari.

La dottoressa, 51enne specialista in Otorinolaringotra, era finita a processo per truffa aggravata ai danni dello Stato. Lunedì mattina, invece, è stata assolta “perché il fatto non sussiste”.

Il suo legale, l’avvocato Giuseppe Pesce, è riuscito a dimostrare che il medico in quei giorni, era realmente ad assistere la zia malata e non, invece, come le contestavano sia l’azienda ospedaliera sia la Procura di Brescia, in vacanza.

Resta ancora aperto, invece, il contenzioso tra l’Asst Franciacorta e la dottoressa che ha intentato causa per ingiusto licenziamento.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.