Quantcast

Uccise la moglie: 3 anni e sei mesi

Più informazioni su

tribunaleviamoretto.jpgOmicidio preterintenzionale per Angelo Lazzaroni. Il delitto in via Colombo.


(red.) Mercoledì mattina il giudice Carlo Bianchetti ha condannato con il rito abbreviato Angelo Lazzaroni a 3 anni e sei mesi di reclusione per aver provocato la morte della moglie 65enne Margherita Gosio. Il delitto avvenne la mattina dell’11 gennaio 2008 (leggi qui) nel loro appartamento di via Colombo nel quartiere Sant’Anna a Brescia.
L’analisi del medico legale ha evidenziato che le lesioni al collo delle vittima erano di lieve entità, la forza impressa dall’imputato quando ha preso la moglie per il collo durante un litigio non era quindi rappresentativa della volontà di ucciderla.
Quindi si è trattato di omicidio preterintenzionale: quando la donna è caduta a terra era infatti ancora viva, ma è spirata in seguito per uno shock vaso-vagale.
Il pm Antonio Chiappani ha derubricato da omicidio volontario aggravato a preterintenzionale il reato contestato ad Angelo Lazzaroni (al quale non è stata riconosciuta la semi-infermità mentale: leggi qui). E il tribunale ha accettato la tesi, accogliendo anche l’attenuante della provocazione.
La vittima stava male psicologicamente da almeno cinque anni e il marito, pensionato, l’accudiva in casa accollandosi tutte le faccende e accompagnandola sempre anche quando usciva. Una situazione logorante, che alla fine ha provocato l’esasperazione dei rapporti.
Ora Lazzaroni completerà la pena nella comunità protetta della quale è ospite dall’anno scorso.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.