Quantcast

‘Ndrangheta nel Bresciano: “Serve un tavolo con Prefettura ed enti locali”

E' necessario un lavoro preventivo di controllo e contrasto per combattere le infiltrazioni della malavita organizzata negli appalti, chiede Massimo Bertuzzi per il Centro Democratico.

(red.) “La presenza della ‘ndrangheta a Brescia ha raggiunto ormai livelli che superano ampiamente lo stato di emergenza e la responsabilità della politica è sotto gli occhi di tutti. Continuare a ignorare gli appelli di magistratura e inquirenti è molto grave. Servono misure adeguate all’emergenza che, giorno dopo giorno, evidenzia quanto sia profondo il radicamento della criminalità nel tessuto produttivo bresciano”. Ad affermarlo in una nota e, per il Centro Democratico, Massimo Bertuzzi.

“Quello che più deve far riflettere le istituzioni è la facilità con cui determinati personaggi riescano ad aggiudicarsi appalti pubblici, anche molto importanti, nonostante le recenti modifiche stringenti alle norme in materia di lotta alla mafia negli appalti”, prosegue il comunicato. “Fermo restando l’esito delle indagini, bisogna che le istituzioni intervengano in modo più concreto per evitare l’infiltrazione mafiosa. Vista la preoccupante situazione che si registra nella nostra provincia è indispensabile convocare al più presto un vertice che riunisca la Prefettura, la regione e gli enti locali per fare il punto della situazione e avviare una più efficace strategia di contrasto alla criminalità organizzata”.

“Evidentemente quello della prevenzione rimane il punto nevralgico di una adeguata azione di contrasto all’infiltrazione mafiosa nell’economia legale”, conclude la nota. “In modo altrettanto evidente esistono ancora aspetti che necessitano di essere rivisti e migliorati, come, per esempio, la circolazione delle informazioni e i controlli preventivi sulle società vincitrici di appalti e sub appalti o istituire un tavolo permanente per il contrasto alla criminalità organizzata che coinvolga anche camera di Commercio e associazioni di categoria e di settore”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.