Quantcast

Truffe anziani, istruzioni per evitarle

La campagna nazionale di Confartigianato, Viminale e forze d'ordine con un vademecum per non cadere nei raggiri. Da banconote false ai finti venditori.

Più informazioni su

Truffe anziani(red.) A fronte di un calo dei reati in Italia del 3,9%, aumentano del 3,5%, invece, quelli ai danni degli anziani, soprattutto over 65. I numeri si riferiscono all’anno scorso e parlano di 340 mila vittime di truffe e raggiri. Dai finti venditori porta a porta, a chi avvicina anziani sulla strada per chiedere indicazioni e poi rubare gioielli. Sono diversi gli escamotage usati per prendersi gioco delle persone più fragili. Per questo motivo nella giornata di mercoledì 24 giugno è arrivata a Brescia la campagna nazionale contro le truffe promossa dall’Associazione nazionale anziani e pensionati della Confartigianato con il ministero dell’Interno e forze dell’ordine. Il segretario generale Fabio Menicacci e il presidente locale Luigi Venturini hanno parlato di 49 giovani del servizio civile che stanno controllando la situazione in diverse province.
Dall’altra parte l’assessore alla Sicurezza di Palazzo Loggia Valter Muchetti ha annunciato la presenza nei camper informativi per la prevenzione già adottati, anche la ludopatia. Un modo per sensibilizzare gli anziani spesso alle prese con slot machine dove giocano intere pensioni. Di fatto è stato presentato una sorta di vademecum per spiegare in quali imbrogli non cadere. Per esempio le banconote false in cui la scritta non cambia colore e l’assenza del filo in controluce. Ma anche mail e offerte che chiedono dai sensibili e presunti venditori di riviste delle forze dell’ordine. Il vice questore Emanuele Ricifari ha invitato gli anziani a denunciare ogni caso di raggiro o truffa per cui sono stati vittime.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.