Quantcast

EU Disability Card, “l’Europa segua l’esempio dell’Italia”

(red.) “L’Europa segua l’esempio dell’Italia. La Eu Disability Card permetterà alle persone con disabilità un più facile accesso a servizi, musei, mezzi di trasporto, solo per citarne alcuni, e porterà sburocratizzazione e semplificazione per tutte le persone disabili. Abbiamo accolto con estremo favore la notizia e vogliamo esprimere i nostri complimenti al ministro per le disabilità Erika Stefani, che sin dal principio ha lavorato con dedizione per portare questa tessera a compimento. Al Parlamento Europeo, in commissione lavoro e affari sociali, da inizio legislatura abbiamo puntato sulla tessera europea per la disabilità, uno strumento indispensabile per il riconoscimento dello status di disabile in tutti i 27 Stati membri. Abbiamo presentato numerosi emendamenti in tal senso nelle diverse relazioni in discussione, come nella Strategia per la Disabilità post 2020 e nella Relazione per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro delle persone con disabilità, oltre ad avere presentato un’interrogazione prioritaria alla Commissione Europea. L’auspicio è che tutti i Paesi Ue seguano l’esempio italiano e diano rapida attuazione alla EU Disability Card”. Così in una nota le eurodeputate della Lega Stefania Zambelli e Elena Lizzi, titolari in commissione lavoro e affari sociali al Parlamento Europeo.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.