Quantcast

Riforma fiscale internazionale, approvazione da parte del G20

Più informazioni su

(red.) A seguito della riunione dei ministri delle Finanze del G20 di ieri, il Commissario Paolo Gentiloni ha dichiarato: “L’approvazione da parte dei ministri delle Finanze del G20 segna un passo fondamentale verso l’attuazione della storica riforma fiscale globale concordata venerdì scorso. Con 136 giurisdizioni aderenti, tra cui tutti i membri del G20, tutti i membri dell’OCSE e tutti gli Stati membri dell’UE che fanno parte del quadro inclusivo, si tratta di una vera e propria rivoluzione fiscale.

Uscendo dall’ombra della pandemia, abbiamo l’opportunità unica di ricostruire le nostre economie su basi nuove. Vogliamo vedere non una semplice ripresa, ma una nuova era di crescita sostenuta e sostenibile. I Pandora papers sono un’ulteriore conferma delle ingiustizie che caratterizzano oggi il nostro sistema economico. Le transizioni verde e digitale possono compiersi solo se basate sull’equità. Pertanto, questo nuovo sistema di tassazione globale delle società è una componente fondamentale del cambiamento di cui abbiamo bisogno: tutti devono pagare la giusta quota.

Una volta che l’OCSE avrà messo a punto le norme tipo per il pilastro 2, la Commissione presenterà rapidamente una direttiva per l’attuazione nell’UE. Per quanto riguarda il pilastro 1, esamineremo attentamente se sia necessaria una direttiva per garantirne un’attuazione coerente ed efficace a livello dell’UE.

La Commissione europea ha lavorato intensamente per portare avanti questo sforzo internazionale. Per arrivare a questo punto sono state necessarie scelte difficili per molti paesi, sia nell’UE che altrove. Uno spirito di compromesso e di interesse comune, in Europa e nel mondo, ci ha permesso di raggiungere questo obiettivo. Dobbiamo essere fieri di questo trionfo del multilateralismo. Ora dobbiamo procedere insieme e senza indugio.”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.