Crisi ecologica, “Europa Verde solidale con Papa Francesco”

(red.) “Non possiamo che condividere pienamente l’appello di Papa Francesco ai governi della COP26 di Glasgow perché offrano con urgenza risposte efficaci alla crisi ecologica” – così Eleonora Evi e Angelo Bonelli, co- portavoce nazionali di Europa Verde, a commento delle parole di Bergoglio. “Il riferimento alle future generazioni e ai valori dell’interdipendenza e della condivisione sono imprescindibili in un mondo dove tutto ciò che accade ha effetti evidenti persino a migliaia di chilometri di distanza.

La crisi climatica ha ripercussioni devastanti anche su fenomeni sociali come quello della migrazione dovuta alla crescente desertificazione di ampie zone del mondo. Ecco perché la cultura del qui e ora non può più trovare spazio nelle nostre società, perché abbiamo il dovere morale di pensare al domani e al resto del mondo, che significa invertire al più presto l’attuale tendenza, ripristinando gli ecosistemi danneggiati e modificando dalle fondamenta i nostri stili di vita, partendo dal nostro sistema alimentare. È necessario farlo perché, come dice Papa Francesco, abbiamo ereditato un giardino, non dobbiamo lasciare un deserto” – concludono Evi e Bonelli.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.