Quantcast

Monopattini elettrici, Azione: “Non un divieto, per i minorenni un patentino”

(red.) Durante la conferenza stampa di questa mattina, l’Assessore alla Sicurezza De Corato ha dichiarato di aver sottoposto alla Giunta una richiesta al Parlamento di modifica della legge che norma la circolazione dei monopattini elettrici sul territorio nazionale. 

In sintesi, le richieste di Regione Lombardia sono tre: il divieto di utilizzo ai minori di 18 anni, la stipula di una polizza assicurativa per danni a terzi e l’estensione dell’obbligo del casco a tutti.
Niccolò Carretta, Consigliere Regionale di Opposizione in Azione commenta le novità: “Le norme, quando si parla di sicurezza stradale, dovrebbero essere finalizzate a tutelare gli individui, a ridurre gli incidenti e a limitare i pericoli. Per questo motivo concordo con chi chiede, tra amministratori, politici e privati cittadini, più regolamentazione di quello che è, nei fatti, un nuovo mezzo di trasporto. Non sono però d’accordo con questa continua negazione del presente portata avanti dall’Assessore De Corato, poiché dove lui vede un divieto per i minorenni io propongo un patentino come si fa già per i motorini (molto più veloci e pericolosi). Chiedere l’obbligatorietà del casco, poi, vorrebbe dire, nei fatti, sabotare lo sharing, la sua filosofia e i suoi punti di forza: trovare un accordo o un punto di incontro con le società che forniscono questi servizi dovrebbe essere l’obiettivo della politica, che non può limitarsi a regolamentare solo i permessi e i divieti.
Sulla polizza assicurativa, infine, concordo sulla necessità, ma ricordo che per i monopattini in sharing questa è già prevista e che i comuni e le amministrazioni comunali stanno da tempo chiedendone un ampliamento”.
Vietare l’utilizzo di un mezzo di trasporto nuovo è la negazione della politica, che non ha il coraggio e la competenza di occuparsi di un tema posto dalla società” così ha concluso il Consigliere di Azione, Niccolò Carretta.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.