Quantcast

Timken, i deputati bresciani della Lega: “Professionalità da non disperdere”

Lo affermano i parlamentari bresciani della Lega che, in una nota, annunciano l'impegno "per una sinergia tra istituzioni e realtà produttive che salvi posti di lavoro".

(red.) “Siamo al lavoro con impegno e determinazione per fare in modo che nella vicenda Timken si arrivi a dare la prospettiva di un impiego al maggior numero di lavoratori”.

Lo affermano, in una nota, i parlamentari bresciani della Lega: il senatore Stefano Borghesi e i deputati Simona Bordonali, Beppe Donina, Paolo Formentini, Eva Lorenzoni, Matteo Micheli e Raffaele Volpi; con il segretario provinciale Alberto Bertagna.

“E’ assolutamente giusto combattere per evitare la chiusura e tutti siamo al fianco degli addetti, come lo sono anche i sindacati. E’ opportuno però, soprattutto alla luce degli ultimi eventi, che con franchezza e lungimiranza ci si prepari ad affrontare uno scenario alternativo meno favorevole”, si legge nella nota dei leghisti.

“L’obiettivo di tutti dev’essere evitare che decine di famiglie si trovino abbandonate senza soluzioni concrete a sostegno del proprio futuro e che queste competenze professionali non vengano disperse. Le professionalità degli addetti sono un patrimonio da preservare e ci sono tante realtà produttive del territorio bresciano a cui certamente potrebbero far comodo”.

“In questo senso”, sostengono i parlamentari del Carroccio, “bisogna guardare alla sfida dei ricollocamenti, predisponendo tutti gli strumenti necessari ad evitare guai peggiori e permettendo di salvaguardare il futuro di lavoratori e famiglie. Bene ad esempio l’iniziativa di Confindustria Brescia, che si è attivata per verificare se tra i propri associati ci fossero imprese alla ricerca di professionalità simili. Ci aspettiamo un sussulto anche dalla Provincia, che dovrebbe attivare i centri per l’impiego ma che purtroppo ancora latita”.

“Dal canto nostro, come Lega, ci stiamo muovendo per creare una sinergia tra le Istituzioni affinché si trovino soluzioni concrete. Il Ministero dello Sviluppo Economico è operativo sulla vicenda Timken ed il Ministro Giorgetti vuole essere sempre aggiornato in merito alla vicenda”, continuano i parlamentari della Lega.

Timken Villa Carcina

“E’ in corso un’interlocuzione con l’azienda e dal Mise si sta predisponendo un piano di ammortizzatori per dare le maggiori tutele possibili a chi rischia di trovarsi senza un lavoro. Il Ministro Giorgetti è inoltre al lavoro anche per evitare che situazioni come questa possano nuovamente avere luogo: sono infatti allo studio provvedimenti e misure che possano contenere i danni da possibili fughe di aziende con opportuni risarcimenti, ma è notizia di oggi l’intenzione di lavorare ad una direttiva che garantisca incentivi a chi sceglie di investire ed assumere da aziende in crisi. Sempre in questa direzione Regione Lombardia si è detta disponibile ad investire nella formazione dei lavoratori della Timken al fine di facilitarne il ricollocamento e permettere loro di dormire sonni più tranquilli”.

“Da parte nostra”, chiosano i parlamentari bresciani del Carroccio, “c’è la ferma volontà di tentare il tutto per tutto nell’interesse dei lavoratori Timken, per fare in modo che ci possano essere prospettive di futuro più rosee e che casi simili non possano più ripetersi a scapito dei lavoratori”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.