Sblocco licenziamenti, accordo: prima usare tutti gli ammortizzatori sociali

Ieri si è raggiunto un accordo tra il Governo e le parti sociali. Resta il blocco per tessile, moda e calzaturiero.

(red.) Nella giornata di ieri, martedì 29 giugno, si è trovata una quadra intorno al blocco dei licenziamenti che termina oggi, mercoledì 30. Proprio ieri si è svolto un incontro tra il Governo – presidente del Consiglio Mario Draghi e ministro del Lavoro Andrea Orlando – e le parti sociali in cui si è raggiunto un accordo: impegno a utilizzare tutti gli ammortizzatori sociali esistenti prima di dover ricorrere ai licenziamenti. E l’accordo è stato sottoscritto da Cgil, Cisl e Uil insieme a Confindustria. Dall’accordo è emersa anche l’opportunità di un tavolo permanente per verificare l’andamento dell’occupazione dopo la pandemia.

Di conseguenza ora si attende una riunione del Consiglio dei Ministri che approverà il decreto, confermando il blocco dei licenziamenti che prosegue solo per il tessile, la moda e il calzaturiero. Ma resta l’impegno a utilizzare le 13 settimane di cassa integrazione ordinaria. “Le parti sociali, alla luce della soluzione proposta dal Governo sul superamento del blocco dei licenziamenti – si legge in una nota congiunta – si impegnano a raccomandare l’utilizzo degli ammortizzatori sociali che la legislazione vigente e il decreto legge in approvazione prevedono in alternativa alla risoluzione dei rapporti di lavoro. Auspicano e si impegnano, sulla base di principi condivisi, ad una pronta e rapida conclusione della riforma degli ammortizzatori sociali, all’avvio delle politiche attive e dei processi di formazione permanente e continua”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.