Quantcast

M5S Lombardia, Campagna video contro le discriminazioni su lgbt

(red.) Dodici video prodotti dal M5S Lombardia per dire stop alla discriminazione nei confronti delle persone lgbt e chiedere di allargare tutele e diritti in ambito regionale, che saranno pubblicati sui social ogni lunedì, mercoledì e venerdì di giugno. È cominciata su Facebook (video 1 – video 2) la campagna di video testimonianze, tra queste anche un contributo di Vladimir Luxuria che sarà pubblicato come ultima puntata, che animerà il mese di giugno, il mese dei pride, a sostegno del progetto di legge contro le discriminazioni determinate dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere, il PDL 109, dedicato alla memoria di Iolanda Nanni.

Nelle testimonianze, le prime pubblicate di una donna transessuale, di un giovane omosessuale e, stasera alle ore 19 quella della mamma di un ragazzo gay, l’esperienza di chi ogni giorno ha a che fare con l’ostilità derivata da pregiudizi. Dalle video-testimonianze emerge una richiesta netta al Governatore della Lombardia Attilio Fontana: “Serve una legge regionale contro le discriminazioni e l’odio”.

Simone Verni, consigliere regionale del M5S Lombardia, spiega: “Per veicolare l’importanza di calendarizzare il nostro progetto di legge, abbiamo chiesto ad alcuni amici e amiche di raccontare la loro esperienza, per testimoniare la loro verità, la loro esperienza troppo spesso trincerata dietro una discriminazione, una sofferenza, una violenza. Serve in Lombardia, una Regione che si considera moderna e accogliente, una legge dedicata a tutelare persone che semplicemente vogliono vivere liberamente e senza fare male a nessuno il proprio orientamento sessuale e identità di genere. Questa è semplicemente una battaglia di civiltà che ognuno di noi dovrebbe condividere.

Voi condividetela sui social in un mese simbolo per coloro che lottano ogni giorno contro le discriminazioni, il mese del pride”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.