Quantcast

Liberalizzazione del subappalto, “sindacati costruzioni pronti alla mobilitazione”

(red.) “La semplificazione non è sinonimo di deregolamentazione, soprattutto quando va a colpire la legalità e la qualità del lavoro. Qualità intesa anche come sicurezza, prevenzione e certezza salariale.
Altro che contrasto ai morti sul lavoro, altro che rigenerazione e riqualificazione, innovazione e qualità, altro che mobilità sostenibile: se il decreto semplificazioni di cui si sta discutendo in queste ore, dovesse prevedere massimo ribasso generalizzato e liberalizzazione dei sub appalti, vorrà dire tornare ai peggiori anni ‘50, alla giungla nei cantieri, all’ apertura agli illeciti, al cottimo e la risposta sarà sin dalle prossime ore mobilitazione immediata, assemblee permanenti in tutti i luoghi di lavoro, iniziative articolate fino allo sciopero generale dell’intera categoria”.
Cosi dichiarano in una nota i Segretari di Feneal Uil, Vito Panzarella; Filca Cisl, Enzo Pelle e Fillea Cgil, Alessandro Genovesi.

 

Anche dal Territorio Brescia-Vallecamonica Sebino si sollevano unanime le voci dei Segretari Territoriali di Feneal Uil, Merigo Raffaele; Filca Cisl, Piazza Sara e Fillea Cgil Niane Ibrahima e Bianchi Donato che dichiarano:
“Se dovesse essere approvato il Decreto Semplificazioni, così come previsto dalla bozza, il sistema delle costruzioni verrebbe ulteriormente indebolito. Il massimo ribasso di un appalto, antepone il profitto alla corretta qualità dell’opera e alla sicurezza necessaria per garantire l’incolumità dei lavoratori. Se vogliamo opere di qualità, predisposte attraverso i nuovi sistemi innovativi che il settore è in grado oggi di proporre, non si può certo pensare che un appalto debba essere affidato solo basandosi sul costo minore, bisogna invece ricercare quegli standar di qualità necessari, che si trovano nelle imprese che sanno come svolgere il lavoro e che hanno investito in innovazione e formazione per qualificare le proprie maestranze”.

 

“Come sostengono i segretari nazionali, il Sindacato è da sempre impegnato a proporre semplificazioni e miglioramenti amministrativi e tecnici, perché siamo i primi interessati a creare buona e stabile occupazione, a qualificare imprese e settore, ma se il Governo pensa di ridurre tutele e diritti a colpi di decreto, si assumerà la responsabilità di una rottura con i lavoratori senza precedenti”
Per tali ragioni il sindacato delle costruzioni, Feneal, Filca e Fillea del territorio di Brescia-Vallecamonica-Sebino, sarà pronto a mobilitarsi per tentare di arginare questa proposta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.