Quantcast

Caccia, Carretta (Azione): “Pronti a dare battaglia in consiglio regionale”

(red.) “Siamo pronti a dare battaglia, per l’ennesima volta e del tutto in un tempo e in un modo che ci paiono più che inopportuni” – È il Consigliere regionale di Azione, il partito di Carlo Calenda, Niccolò Carretta a rivolgersi alle Associazioni a tutela della flora e della fauna in Lombardia promettendo il massimo impegno per evitare l’approvazione di alcuni emendamenti alla Legge Ordinamentale in ambito venatorio che riguardano modifiche alle regole sull’annotazione degli animali abbattuti sul tesserino sanitario, l’impedimento al controllo dei richiami vivi e l’abolizione della banca dati sui richiami vivi.

“Come tutti gli anni – ha dichiarato il consigliere bergamasco – invece che occupare il nostro tempo per risolvere i tanti problemi all’interno della nostra regione saremo costretti dalla Maggioranza ad asserragliarci ed unirci nella tutela dell’ambiente, degli animali e del territorio ed evitare l’approvazione di misure più volte dichiarate illegittime, che favoriscono la caccia a discapito della sostenibilità ambientale e che spianano la strada alle attività illecite come il bracconaggio, gonfiando ulteriormente un indotto illegale che è già vicino ai 10 milioni di euro ogni anno di solo traffico”.
“Ho presentato alcuni contro-emendamenti per provare a scalfire il muro leghista che, per l’ennesima volta, utilizzerà le Istituzioni lombarde come se fossero di loro proprietà, nonostante siano ben consapevoli che approvare leggi che verranno certamente dichiarate illegittime comporteranno costi inutili per la collettività”.

Come opposizioni sono certo che metteremo in campo tutti gli strumenti a nostra disposizione per bloccare questo agguato a cui ormai, purtroppo, siamo abituati. L’auspicio è che le forze di opposizioni rimangano unite, ma soprattutto che le forze di Maggioranza più responsabili e moderate diano un segnale, una volta per tutte, circa la direzione che la Regione vorrà prendere su questo tema”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.