Quantcast

Codacons su portale prenotazioni di Aria spa: giunta lombarda sapeva da tempo

(red.) Alcune rivelazioni sono state pubblicate nella giornata di ieri, martedì 23 marzo, da un ex consigliere dimissionario della società Aria S.p.a., controllata al 100% dalla Regione Lombardia, che ha attaccato la Giunta lombarda di essere pienamente a conoscenza del fatto che il portale di Aria non fosse adatto alla gestione delle prenotazioni per la campagna vaccinale.

“Frasi che ancora una volta dimostrano la totale impreparazione, inadeguatezza e disorganizzazione della Regione Lombardia nella gestione della campagna vaccinale in Lombardia, tutt’ora notevolmente in ritardo rispetto ai piani iniziali”, tuona il Codacons.
Secondo l’associazione che tutela i consumatori, da mesi si sapeva che le Regioni avrebbero dovuto prepararsi alla campagna vaccinale massiva, ma se alcuni Regioni si sono dimostrate virtuose non è questo il caso della Lombardia, tra gli ultimi posti nell’organizzazione. “Un fallimento senza appello che sta costando carissimo alla popolazione lombarda, costretta a sopportare, ancora una volta, una dura zona rossa, e un sovraffollamento degli ospedali e delle strutture sanitarie lombarde“.
“Presenteremo un esposto alla Procura della Repubblica, per ogni persona che ha diritto ad accedere ai vaccini e che non riesce a farlo a causa dell’inadeguatezza della Regione, quest’ultima ne dovrà rispondere.” Conclude il Presidente Marco Donzelli.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.