Quantcast

Girelli (Pd): “Nuova agenda per la Lombardia su sanità, ambiente, mobilità, sviluppo”

(red.) “Se la pandemia ha messo in evidenza le grandi criticità legate al sistema sanitario lombardo”, si legge in una nota di Gianni Girelli, presidente commissione d’inchiesta regionale Covid19 e consigliere regionale Pd, “con il costante e progressivo depauperamento negli anni del servizio pubblico e della medicina territoriale a favore di una eccessiva ospedalizzazione, spesso privata, in Lombardia esistono altri grandi temi irrisolti. Da tempo, complice la svantaggiosa specificità climatica della pianura padana e la massiccia urbanizzazione dei centri abitati, qui si aspettano risposte e proposte anche sulle questioni ambientali. Senza dimenticare i nodi irrisolti sulla mobilità e sullo sviluppo. A monte di tutto però l’incompiuto capitolo dell’autonomia territoriale”.

“In linea con il nuovo corso del Pd”, dice ancora Girelli, “che intende rimettere al centro dell’azione i territori, i bisogni e le aspettative delle delle singole realtà italiane, con il Pd Lombardo, guidato da Vinicio Peluffo, vogliamo costruire una nuova agenda politica. Una piattaforma programmatica coraggiosa, sfidante, che entri in diretta competizione con la Lega. In Lombardia il grande tema dell’autonomia è stato infatti strumentalizzato, brandito come arma propagandistica, ma mai davvero affrontato. Quasi trent’anni di governo di centrodestra hanno lasciato del tutto inevase le tante richieste dei territori, esigenze che invece vanno riconsiderate e che hanno bisogno di soluzioni serie, concrete e percorribili. In Lombardia la pandemia e la crisi ci pongono di fronte a una nuova sfida. Non è tempo di alchimie politiche e scorciatoie, ma di interpretare il cambiamento. Che significa dare una prospettiva di futuro per i cittadini e per le imprese dei nostri territori”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.