Acquedotto di Desenzano, “tubazioni di cemento e amianto da sostituire”

(red.) “A Desenzano vi è ancora 1 km di tubazioni dell’acqua in cemento amianto, secondo quanto rilevato nell’ultima ricognizione effettuata nel 2015 e riportata nel Piano d’Ambito 2016-2045. Oggi ho presentato una interpellanza al Sindaco e agli assessori ai lavori pubblici ed ecologia, per sapere a quale sia la situazione attuale, a che punto è il processo di sostituzione delle suddette tubazioni e se esista un cronoprogramma per il completamento dell’attività”. Lo ha dichiarato in una nota stampa Giustina Bonanno, consigliera comunale di minoranza della Lista Righetti per Desenzano.

“Sottolineo che l’Organizzazione Mondiale della Sanità considera la casistica della presenza di amianto nelle tubazioni acquedottistiche come possibile fonte di contaminazione delle acque distribuite. Credo quindi sia necessario intervenire sulla questione, avendo un piano di azione definito, senza inutili allarmismi ma senza neppure ignorare o rimandare all’infinito”.


“La mia interpellanza”, prosegue la consigliera, “ha lo scopo di stimolare l’amministrazione a prendere in seria considerazione la questione e in generale a non trascurare le attività di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’acquedotto. Infatti è una questione troppo spesso ignorata, poiché non visibile e di scarso ritorno mediatico: dei sottoservizi ci si ricorda solo quando non funzionano, altrimenti si danno per scontati
In questa ottica credo sia importante ricordare come l’acqua sia un bene prezioso e che troppa viene sprecata. A proposito, colgo l’occasione per evidenziare come Desenzano, nella rilevazione del 2014, abbia un indice di dispersione della rete pari al 51%, superiore al limite del 40% indicato dal ministero”.


“Le mie domande all’amministrazione”, conclude Bonanno, “vogliono essere anche una sollecitazione ad un dibattito e ad una riflessione più complessiva su un tema fondamentale che unisce ambiente e salute, le principali sfide per il futuro che dobbiamo affrontare giorno per giorno, anche nelle piccole cose, anche partendo dal sostituire le tubature in cemento amianto con tubature più moderne, sicure ed efficienti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.