Foibe, Beccalossi: “Anpi Brescia dispensa odio, faccia pace con la storia”

(red.) “Come ogni anno il Giorno del Ricordo diventa vetrina per i soliti dispensatori d’odio. Da bresciana, mi fa ancora più male che i protagonisti dell’ennesimo attacco alla tragedia delle foibe venga proprio dalla mia città, per bocca di qualcuno che a 75 anni dalle fine della guerra si autoproclama partigiano dietro a una tastiera, con parole negazioniste e divisive”. Lo dichiara Viviana Beccalossi, presidente del Gruppo Misto in Consiglio Regionale, intervenendo nel dibattito partito dopo alcuni post di Anpi Brescia in merito alle foibe.

 

“Da donna orgogliosamente di destra, so bene che per i canoni di qualche giovanotto dell’Anpi, sarei definita come una ‘pericolosa neofascista’. Ma proprio la militanza nell’MSI mi ha insegnato i valori della dignità, del rispetto per i morti –tutti- e a impegnarmi per una vera pacificazione nazionale. Evidentemente –conclude- sono stata fortunata, a differenza di questi ‘signori’, che dovrebbero una volta per tutte fare pace con la storia e con il passato che dicono di rappresentare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.