Lancini (Lega): dopo il golpe militare basta agevolazioni per il riso di Myanmar

(red.) L’Eurodeputato Danilo Oscar Lancini (Lega) interviene sul tema del colpo di stato militare in Birmania (Myanmar). «Mentre sale la preoccupazione della comunità internazionale a seguito del colpo di stato militare in Myanmar che ha deposto la Presidente Aung San Suu Kyi – spiega l’On. Lancini – l’Unione Europea deve prendere al più presto l’iniziativa per evitare violenze o nuove violazioni dei diritti umani, specialmente dopo che la Cina ha posto il veto nel Consiglio di Sicurezza ONU ad ogni risoluzione di condanna.


L’UE e gli Stati membri hanno il dovere di alzare la voce e rivedere le attuali agevolazioni tariffarie EBA di cui beneficia il Myanmar, in particolare il riso della varietà Japonica, che proprio in virtù di tali esenzioni tariffarie, ha visto le importazioni in Italia aumentare dell’80% lo scorso anno. 
É inaccettabile – conclude l’On. Lancini – che agevolazioni pensate per aiutare paesi sottosviluppati vadano oggi a danneggiare i nostri risicoltori e al contempo a sostenere un regime militare che minaccia i diritti umani. Serve un intervento urgente per correggere questa grave situazione!».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.