Mammì (M5S) sui vaccini anti-covid: “Dati sconfortanti sulla Lombardia”

(red.) La fondazione GIMBE ha elaborato i dati del Ministero della Salute che posizionano la Lombardia agli ultimi posti per percentuale della popolazione che ha completato il ciclo vaccinale. Gregorio Mammì, consigliere regionale del M5S Lombardia, dichiara: “I dati del numero di persone che hanno completato il ciclo di vaccinazione in Lombardia sono sconfortanti: la nostra regione è al terzultimo posto (allegato 1), seguita solo da Sardegna e la Calabria. Tutte regioni governate dal centro destra”.

“A questo dato non positivo”, spiega Mammì, “si aggiungono (allegato 2) i numeri legati al personale non sanitario vaccinato che per la Lombardia è al 51 per cento, un dato questo, che appare molto elevato rispetto alla media italiana che è al 22 per cento. Sono numeri che destano perplessità: la Lombardia ha vaccinato meno, e si è concentrata sul personale non sanitario.

Può essere che quel 51 per cento sia eventualmente legato alla struttura del nostro sistema sanitario regionale e faccia riferimento al numero di persone che ruotano intorno al paziente, eventualmente maggiore in Lombardia rispetto ad altre regioni. Tema questo che merita approfondimenti.

Chiederemo perciò un chiarimento su questi dati anche per valutare il modello sanitario lombardo e come vengono inquadrati i lavoratori che orbitano nel mondo sanitario in relazione alla vaccinazione Covid”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.