Mammì: rette Rsa in aumento, “giunta lombarda sorda ai problemi della gente”

(red.) Gregorio Mammì (M5S Lombardia): “Centrodestra senza vergogna. Ancora una volta la Giunta lombarda è sorda davanti ai problemi dei cittadini. L’aumento delle rette di alcune RSA poteva essere evitato, ad esempio approvando il mio emendamento presentato al Progetto di legge di Regione Lombardia sui ristori alle R.S.A, dove chiedevo di vincolare i fondi ai soli erogatori che non avessero alzato le rette a carico delle famiglie. Questo il modello di gestione dei contributi che ha la Lega. Ho ricevuto alcune segnalazioni dei famigliari degli ospiti della Casa di Riposo di Mandello del Lario Onlus, che pochi giorni fa si sono visti recapitare una lettera di adeguamento della retta 2021 per sostenere le spese avute per l’approvvigionamento di medicinale e gas medicale e l’acquisto dei dispositivi di protezione individuale”.

Inoltre, il sito trasparenza del gestore è vuoto mentre dovrebbero pubblicare il bilancio per capire quanti fondi pubblici ricevono e come li gestiscono. “ATS è responsabile di far pubblicare i bilanci e altre notizie obbligatorie, ma nel mondo lega meno si controlla e meglio è. Ennesima dimostrazione dell’incapacità di gestione di questo governo lombardo che non ascolta il contributo politico delle opposizioni”, conclude il pentastellato Mammì.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.