Quantcast

Giovani Dem: quattro bresciani nel direttivo regionale

Sono Maria Bordogna, Filippo Ghidoni, Miriam Provaglio e Antonio Zambolin.

(red.) Si è concluso pochi giorni fa il Congresso regionale dei Giovani Democratici Lombardia. Risultano eletti in Direzione regionale ben quattro membri della federazione bresciana: Maria Bordogna, Filippo Ghidoni, Miriam Provaglio e Antonio Zambolin. Il Segretario provinciale dei GD Paolo Apostoli sottolinea con orgoglio l’aumento del numero, da tre a quattro, dei membri bresciani: “In un panorama congressuale delicato a livello nazionale, il livello regionale della nostra Giovanile è stato in grado di dare nuova energia all’Organizzazione, con la riconferma del Segretario Pacini e l’elezione della nuova Direzione. Siamo molto soddisfatti della forte presenza bresciana negli organismi dirigenti lombardi dei GD, frutto dell’apprezzamento del grande lavoro svolto dalla nostra Federazione.”

In particolare Antonio Zambolin, segretario del circolo della Valle Camonica e consigliere comunale a Zone, è stato eletto quale Presidente della Direzione regionale, così che spetterà a un bresciano il compito e l’onore di presiedere l’organo politico dell’organizzazione. A tal proposito dichiara Zambolin: “Sono molto contento che la Federazione di Brescia, i nostri circoli e i nostri iscritti, siano stati premiati a livello regionale per il loro impegno e per la costanza mostrati nel lavoro di questi anni. Dopo questo traguardo dobbiamo partire per rivoluzionare l’organizzazione nazionale della nostra giovanile che da anni ha il motore spento, cercando di riportare anche al centro dell’agenda politica del Partito Democratico i giovani e i loro problemi”.

Tra i nomi bresciani spicca infine quello di Marco Benedetti, già Presidente della Direzione provinciale, che svolgerà un ruolo chiave nell’esecutivo regionale come Responsabile alla Sanità dei GD Lombardia. Infatti è sulla gestione dell’emergenza sanitaria e sulla prossima riforma della sanità regionale che si giocheranno le future elezioni regionali, ne è convinto Benedetti: “Quest’anno l’Italia intera ha sofferto il dramma del Covid, ma è stata la Lombardia a pagare il prezzo più alto. Questa crisi ha messo in evidenza tutti i limiti della gestione Fontana-Gallera: da tempo denunciamo l’abbandono della sanità territoriale e l’assalto alla sanità pubblica. Nel 2021 scade la riforma Maroni. Regione Lombardia ha l’opportunità di correggere le storture del nostro sistema sanitario regionale: non sprechiamola!”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.