Commissione sul Covid, “Gianni Girelli saprà far bene”

"Il nostro interesse è che emerga con chiarezza ciò che non ha funzionato in Lombardia durante l’emergenza Covid".

(red.) “Gianni Girelli saprà far bene, perché è un consigliere di esperienza e una persona equilibrata. Il nostro interesse è che emerga con chiarezza ciò che non ha funzionato in Lombardia durante l’emergenza Covid, perché affrontare e risolvere quei problemi è una priorità. Finalmente la commissione potrà partire, dopo tanta attesa, ma ancora dobbiamo constatare la scorrettezza della maggioranza a guida leghista che ha voluto nominare, con la forza dei numeri, anche il consigliere segretario, con lo scopo di blindare l’ufficio di presidenza della commissione. È evidente che la Lega, che ha fatto di tutto per osteggiare la commissione nei mesi scorsi, continua a temerla.”

Lo dichiarano per il Pd lombardo il capogruppo in Regione Fabio Pizzul e il segretario regionale Vinicio Peluffo dopo l’elezione, questo pomeriggio in Consiglio regionale, dell’elezione del presidente della commissione regionale d’inchiesta sulla gestione dell’emergenza Covid in Lombardia nella persona del democratico Gian Antonio Girelli. Consigliere di esperienza, bresciano originario dei Barghe, in Val Sabbia, dove è stato sindaco e presidente della comunità montana, Girelli è attuale presidente della commissione speciale sulla situazione carceraria e capodelegazione dem in commissione sanità. In passato è stato il primo presidente della commissione speciale antimafia della Regione Lombardia.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.